Contenuto Principale
SCOCCA L’ORA DEL FEDERALISMO FISCALE PDF Stampa E-mail
Stoccate di Puccio - Archivio

 

In questi ultimi anni, sono scorsi fiumi di parole e di inchiostro in tema di federalismo fiscale.

Ora basta cianciare: è arrivato il momento dei fatti.

Domanda: quando sarà introdotto il federalismo fiscale (espressione che può essere parafrasata in questo modo: il denaro dei Lombardi non viene risucchiato e non si perde nel gorgo nero di roma ladrona, senza che nessuno sappia più quale sia la sua sorte, ma resta sul territorio, in Lombardia, per la nostra gente)?

Risposta: entro il 19 dicembre 2008.

Da dove si ricava questa data? Semplicemente dalla legge.

Il Governo ha presentato al Parlamento il documento di programmazione economico-finanziaria (DPEF), il quale espone ed anticipa, in forma narrativa, il contenuto della manovra di finanza pubblica (art.4 legge n.468/78).

La manovra di bilancio è costituita, semplificando, dalla legge finanziaria e dai cosiddetti “collegati” alla legge finanziaria (art.11 l.n.468/78).

Tali atti sono approvati nel corso della “sessione di bilancio”, la quale ha inizio il 30 settembre e dura, al più, 80 giorni (dunque termina, al massimo, entro il 19 dicembre) (art.119, co.2 regolamento Camera; art.126, co.8-9 regolamento Senato).

Ora, a pag. XVI del DEPF è previsto, nero su bianco, che la completa attuazione dell’art.119 della Costituzione, cioè l’istituzione del federalismo fiscale, sarà contenuta in una legge delega “collegata” alla legge finanziaria, quindi approvata entro il 19 dicembre.

Punto. Senza se e senza ma.

La legge delega rappresenterà la prima fondamentale meta perché fisserà i principi in tema di federalismo fiscale.

La seconda ed ultima tappa sarà il decreto legislativo che conterrà la disciplina di dettaglio e che verrà redatto dal Governo cioè dal Ministero per le riforme ed il federalismo di Umberto Bossi.

Il popolo lombardo che, ricordo, votò, quasi all’unisono, “si” nel referendum sulla devolution si aspetta una Signora riforma federale, non una carnevalata federalista.

L’auspicio è che le forze politiche che si appisolano, nei loro caldi colli grassocci, sui cadreghini, foderati di velluto rosso, del Parlamento, pervengano ad una soluzione condivisa e approvino trasversalmente tale provvedimento.

 

Occhi aperti e buone vacanze a tucc!

 

Lombardia libera!

 

Giovanni Angaroni

 

Image 

 

 

 
Ricerca / Colonna destra

Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie provenienti da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information