Contenuto Principale
NUOVE BATTAGLIE ALL’ORIZZONTE PDF Stampa E-mail
Stoccate di Puccio - Archivio

Ci possiamo guardare negli occhi e convincerci a vicenda che tutto va bene e il futuro è roseo.

Balle.

E' giunta l'ora di tirare le somme.

Nell’editoriale “Sognando Lombardia”, ho descritto sinteticamente la proposta di legge avanzata dalla nostra Regione con cui è richiesta a roma Ladrona maggiore autonomia in determinate materie. Ebbene? Tale progetto di legge si è impantanato nelle sabbie mobili capitoline. Nello slang parlamentare si dice che è stato “insabbiato”, sepolto vivo, dai cattocomunisti col turbante, complici anche il vuoto istituzionale conseguente alla caduta del già dimissionario governo Prodi e la crisi-Malpensa. Speriamo che il nuovo esecutivo riesumi questo disegno di legge…
Malpensa, appunto. A me (e penso a chiunque) non frega un bel niente dell’italianità di Alitalia cioè del fatto che il ministero del tesoro sia titolare del pacchetto di controllo di questa società. Mi interessa solo viaggiare in sicurezza ed in modo economico, a prescindere dalla compagnia aerea. Per cui non ho nulla in contrario a che una cordata straniera acquisti Alitalia.
Non tollero, però, che Malpensa venga declassata a stazione aeroportuale di serie C.
È vero: l’aeroporto insubre origina alcuni nodi che devono e possono essere risolti; mi riferisco, in particolare, al regime contrattuale dei precari e alla coesistenza tra Malpensa e il Parco del Ticino. Ora come ora, però, trasformare l’hub varesino nella succursale di Fiumicino significa essenzialmente due cose:
migliaia di lavoratori in esubero, dunque licenziati, falcidiati dai capoccia di potenti lobby commerciali;
giro di affari azzoppato: penso solo al turismo e all’indotto da questo creato.
L’inutile governo – Prodi è imploso. Due anni buttati via: quanto tempo sprecato. Un esecutivo che ha ammazzato di imposte i nostri commercianti e preso per il culo i lavoratori dipendenti che con fatica tirano alla fine del mese, spacciando l’elemosina come aumento salariale.
Nuove elezioni ad Aprile: vincerà il Berlusca. Forse la congiuntura ci sarà più favorevole ma la Lega, come al solito, potrà contare solo su se stessa.
Il Carroccio è il motore del cambiamento: per avviarlo, però, ci occorrono i vostri voti. Questo paese può essere migliorato! Incapaci, parassiti e manigoldi si spartiscono i cadreghini in Parlamento, è vero. Ma ci sono anche persone incessantemente pervase e sospinte dalla volontà ardente di impegnarsi per rivoluzionare le cose, certi che sia concretamente possibile farlo: questi uomini e donne meritano il vostro voto.
Non rassegnamoci, dunque! Non lasciamo che questa inconcludente casta politicante e un branco di “onorevoli” dediti all’onanismo politico ci uccida l’anima e ci strangoli la speranza!
Narra un mito greco che esplosa fuori dal vaso di Pandora ogni possibile malvagità di questo mondo, ecco fuoriuscire dall’anfora e volare via libero un uccellino verde: Elpis, la speranza.
Cosa possiamo fare noi? Non arrenderci! Manifestare, alzare la voce senza paura e avere il coraggio di combattere e vincere le nuove battaglie con un braccio legato dietro la schiena.

 

Lombardia


Fiò, tenem dur
Sa vedum
Giovanni Angaroni

Image 

 
Ricerca / Colonna destra

Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie provenienti da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information