Contenuto Principale
Carcere Bed and Breakfast PDF Stampa E-mail
Stoccate di Puccio - Archivio

 

“Negli Anni Settanta a Palermo c'era il Grand Hotel Ucciardone. Tommaso Buscetta, Tano Badalamenti e Stefano Bontate, il gotha della mafia di allora, si garantivano la bella vita anche in carcere:..

 
..entrava lo champagne dall'ufficio matricola, arrivavano le aragoste da un ristorante alle falde del Monte Pellegrino e le celle erano aperte.
 

Negli anni duemila la situazione sembra essere cambiata, ma in peggio.

Oggi al carcere "champagne" si preferisce il carcere "bed and breakfast" dove i detenuti entrano, soggiornano per un breve periodo di tempo per poi ri-uscire, senza aver scontato completamente la loro pena e senza aver ricevuto alcuna forma di rieducazione e di reinserimento sociale.

Per capire e comprendere meglio basta vedere i dati dalla seguente tabella fornita da ministero di giustizia. 
 

 


Non voglio soffermarmi sui singoli reati e sulla loro effettiva durata. Voglio invece soffermarmi su come questo sistema carcerario “Bed and breakfast” arrechi un grave danno all’intera comunità.

Tra le esigenze di una comunità “civile” vi è senz’altro quella della certezza della pena, della rieducazione e del reinserimento dei detenuti all’interno della società: un’esigenza che con il passare dei mesi diventa sempre di più un’emergenza, visti i recenti e quasi quotidiani fatti di cronaca.

Un esempio fra tutti il caso Ahmetovic, lo zingaro che lo scorso aprile ubriaco alla guida del suo furgone travolse e uccise 4 ragazzi. Costui oltre a passare (o forse sarebbe più corretto dire a spassarserla ) in un residence a San Benedetto del Tronto, ha persino ricevuto un’offerta di parecchie migliaia di euro per fare da testimonial per una campagna pubblicitaria che lo vede come protagonista.

Questo sistema sembra ormai essere allo sbando. Sono molti i detenuti che, una volta usciti, ricommettono gli stessi reati, se non addirittura di peggiori e a soffrirne sono sempre i cittadini: è giunta l’ora di dire basta.

 
 
Gianluca A. 

 

 


 

 
Ricerca / Colonna destra

Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Per saperne di piĆ¹ sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie provenienti da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information