Contenuto Principale
Le bugie della Mala-Politica PDF Stampa E-mail
Articoli - Gli Articoli scritti da noi

mala politica

REFERENDUM DEL 22 OTTOBRE: LE BUGIE DELLA MALA-POLITICA


A proposito del “referendum” di domenica 22 ottobre, sfatiamo tutte le bugie di una certa sinistra sui 49 milioni di spesa per l'organizzazione di tale consultazione popolare.
1) La Lombardia, regione virtuosa, ha richiesto per ben quattro volte al Governo centrale di sedersi ad un tavolo per trattare alcune competenze, come previsto dalla nostra Costituzione in materia di autonomia! Da Roma “nessuna” risposta!
2) La Lombardia aveva chiesto al Governo Renzi di abbinare il quesito referendario lombardo al precedente referendum governativo del dicembre 2016, onde risparmiare i doppi costi. Da Roma hanno risposto “no”!
3) Regione Lombardia ha messo a disposizione dei votanti dei “tablet”, così da non avere più bisogno di usare matita, carta e conseguente macchinosa e costosa organizzazione. Si digiterà un tasto: “si”- “no”- “scheda bianca”. Con il voto elettronico si risparmia.
4) Questo referendum potrà essere la base per ulteriori risparmi, di gran lunga superiori al costo per il suo svolgimento, grazie all'introduzione di un vero principio di sussidiarietà e federalismo.
5) Sostengono il “Sì” quasi tutti: Lega Nord, Forza Italia, Movimento 5 Stelle ed altri, compresi diversi sindaci del Partito Democratico.
6) In caso di affermazione del “Sì” e di una buona affluenza, il Governo centrale non potrà esimersi dal sedersi ad un tavolo e trattare l’intera questione dell'Autonomia, come previsto dalla nostra Costituzione!

 
Ricerca / Colonna destra

Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie provenienti da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information