Contenuto Principale
L'ultima occasione PDF Stampa E-mail
Articoli - Gli Articoli scritti da noi

Lombardia referendum 800x340

L’ultima occasione e l’ultima speranza! Per noi Lombardi questa sarà, probabilmente, l’ultima carta da giocare in funzione di un’autonomia che perseguiamo da decenni. La Regione Lombardia ha organizzato, per il giorno di domenica 22 ottobre, dalle ore 7 alle 23, un Referendum consultivo nel quale si richiede l’autonomia finanziaria della nostra Regione; autonomia, s’intende, nei confronti dello Stato centrale. In poche parole chiederemo a Roma, attraverso il voto popolare, di attribuire ulteriori competenze a livello regionale e di conseguenza le relative risorse economiche necessarie per esercitare queste competenze. L'obiettivo è quello di trattenere in loco una parte dei 50 e rotti miliardi di euro che la Lombardia versa annualmente nelle casse dello Stato e che, come tutti sappiamo da sempre, finiscono in un osceno “calderone” senza fondo, il cui risultato finale è il solito e disgustoso dissesto del Belpaese e la consueta mangiatoia per i “furbi”! Siamo convinti che, trattenendo una parte dei nostri soldi (guadagnati con immensa fatica), daremo ai nostri figli e nipoti una “chance” in più per il loro incerto futuro; non solo, ma sapremo gestirli anche per gli altri con maggior senso di responsabilità! Siccome questa iniziativa è stata ben accetta anche da parecchi Sindaci e componenti di altri indirizzi politici (centro-sinistra, centro-destra, cinque stelle), non ci rimane che esortare tutti i Cerianesi a decidere del proprio destino e a recarsi domenica 22 ottobre alle urne e votare “Sì”! Ripetiamo: è l’ultima grande occasione. Possono partecipare al referendum consultivo tutti gli iscritti alle liste elettorali della Lombardia. In questo tipo di referendum non è previsto un quorum, cioè un numero minimo di votanti affinché il referendum sia valido. E’ vero che l'esito dei Referendum consultivi non sono vincolanti, ma è altrettanto vero che le ultime disposizioni in materia (art.116 della stessa Costituzione) possono giocare, questa volta, a nostro favore. È evidente inoltre che un’indicazione chiara dei cittadini lombardi, sul mantenimento delle risorse sul territorio dove esse vengono prodotte, garantirebbe un forte mandato popolare al Presidente Maroni per raggiungere l’obiettivo che attendiamo da decenni. VOTA SI’ IL 22 OTTOBRE! Ricordatelo!

 
Ricerca / Colonna destra

Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie provenienti da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information