Contenuto Principale
25 APRILE 2015: il funerale della Repubblica PDF Stampa E-mail
Articoli - Gli Articoli scritti da noi

morte repubblicaI Pidioti ogni anno con enfasi e retorica celebrano il 25 aprile l’anniversario di liberazione dell’Italia dal fascismo, non rendendosi conto che essi stessi rappresentano il fascismo odierno. Un fascismo diverso, senza SS e camicie nere, ma pieno di colletti bianchi e cappucci neri. I nipotini di Stalin al servizio dell’oligarchia finanziaria e tecnocratica che ha nell’Unione Europea il suo braccio operativo. Chi l’avrebbe mai detto che gli ex-proletari di stampo stalinista sarebbero andati a braccetto con il peggior capitalismo che ci poteva capitare, non fatto di imprenditori ricchi e potenti che investono i loro capitali per creare sviluppo e lavoro, ma fatto di pochi grandi gruppi che muovono il denaro senza produrre nulla e che si arricchiscono con la sola speculazione sulla pelle della moltitudine.

Come pagliacci i nostri eroi sfilano ogni anno agitando il tricolore, che dovrebbero vergognarsi di portare visto che essi stessi legittimano un governo di occupazione, non eletto, per conto di altre potenze straniere e di potentati economici internazionali, che ha come missione quella di depredare i beni pubblici italiani e i risparmi degli italiani. Coloro che hanno sempre detto che la Costituzione italiana non si tocca perché è la più bella del mondo, l’hanno cambiata di notte, di forza e contro tutti. Alla faccia del dialogo. Adesso si apprestano a celebrare il jobs act, la riforma del mercato del lavoro voluta da Bruxelles e dalla Confindustria, ovvero la cinesizzazione dei salari, quindi la svalutazione del lavoro per restare competitivi. Che bello! Coloro che ci hanno sempre detto che “globalizzazione è bello” ed “Europa è bello”, in realtà due facce della stessa medaglia, ci hanno regalato tasse raddoppiate, miseria e sfruttamento con la legge Fornero, e ora stipendi da fame con il jobs act. Una domanda sorge spontanea: ma questi soggetti sono sciocchi o ci fanno? Oppure hanno una condizione economica personale o famigliare che gli permette di dormire sonni tranquilli, tanto i sacrifici li faranno gli altri. In effetti quando si gioca con il fondoschiena degli altri, ci si possono togliere parecchie soddisfazioni senza correre rischi (...).

Caronte

 
Ricerca / Colonna destra

Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie provenienti da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information