Contenuto Principale
DUE PAROLE SU CESARINO MONTI PDF Stampa E-mail
Articoli - Gli Articoli scritti da noi

cesarinoCesarino Monti è stato per diversi anni Sindaco di Lazzate e Senatore della Repubblica. Negli ultimi venticinque anni è stato il politico del territorio più noto e che più di tutti si è impegnato per il bene della Brianza. Non si ricorda da quanto tempo, in particolare, il nostro territorio inteso come il circondario delle Groane abbia avuto voce, cura e attenzione.

Ha amministrato il suo Comune con caparbietà, efficienza e competenza inventando un modello da imitare per tutti i Sindaci di ogni colore politico. A Roma, nella sua attività istituzionale di Senatore, si è guadagnato il rispetto e la stima di compagni di partito ed avversari. E' stato uno dei padri della Provincia di Monza e Brianza.

A me piace ricordarlo quando da Senatore girava per il Centro-Sud a diffondere le idee federaliste ed autonomiste e a spiegare quanto fosse conveniente anche per quei popoli farle proprie, confrontandosi con politici di tutti gli schieramenti.

Non ricordo altri uomini politici di questa stoffa che con onestà e passione si siano impegnati così a fondo per così tanti anni con tenacia e perseveranza.

L'esempio che Cesarino ci ha lasciato è (o almeno dovrebbe essere) quello che unisce tutti di ogni colore politico per quello che di buono ha fatto.

Cesarino aveva anche fiuto per scoprire giovani in gamba e promettenti capaci di fare politica con impegno e profitto. Uno di questi giovani scoperti da Cesarino è stato il nostro Sindaco Dante, che eletto a soli 26 anni ha raso al suolo, guadagnandosi gli onori "sul campo", la vecchia nomenklatura cerianese di stampo catto-comunista che come una piovra ha avvolto e soffocato con i suoi tentacoli la vita politica e sociale di Ceriano per diversi lustri. Arrivato al potere nel 2009 "il giovane Sindaco" aprendo gli armadi del Comune ha trovato non pochi scheletri accumulati nei tanti anni di mala- gestione.

Uno di questi scheletri era la vecchia scuola materna che la vecchia amministrazione voleva trasformare tramite una convenzione con la società Enel gas, lo ricordiamo ancora per l'ennesima volta, in una ulteriore sede istituzionale del Comune, con ponte sospeso, fontana in stile pozzanghera “due” e rampe delle scale interne in cristallo, per collegare l'attuale municipio al mega attico di quello che sarebbe stato, nei loro auspici, il nuovo ufficio del Sindaco.

Tutto questo può sembrare una barzelletta, ma purtroppo è tutto vero e si trova nei progetti di ristrutturazione dello stabile. Nel frattempo i lavori di ristrutturazione erano fermi per problemi burocratici.

Grazie all'interessamento e alla mediazione di Cesarino si è trovato l'accordo con la società Enel gas per proseguire i lavori e cambiare il progetto trasformando il vecchio asilo in quello che è oggi.

Per questo Cesarino è stato amico generoso che ha aiutato Ceriano e l'Amministrazione lo ha voluto ricordare intitolando ad esso lo stabile dell'ex asilo infantile.

Caronte 

 
Ricerca / Colonna destra

Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie provenienti da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information