Contenuto Principale
OPZIONE AUTONOMISTA PDF Stampa E-mail
Stoccate di Puccio - Archivio

 

È notizia di questi giorni che l’Italia perseguirà l’obiettivo del pareggio di bilancio già per l’anno 2013. Logica e forzata conseguenza di anni di politiche statuali scellerate.

 

Lo stato romano, incompetente ed irresponsabile, ha dissipato per decenni il sudato denaro dei cittadini, maneggiando soldi altrui con irrispettosa sufficienza e accumulando, così, il terzo debito pubblico al mondo, nella miope convinzione che i nodi, forse, non sarebbero mai venuti al pettine. Le stanze dei bottoni avrebbero dovuto maneggiare il denaro pubblico come fosse il loro. Con la prudenza e l’oculatezza di un padre che abbia a cuore il futuro della propria famiglia e non come una prostituta viziata che trascorra le giornate a spendere e spandere, dilapidando il patrimonio del “mecenate” di turno. Costa il parassitismo. Costa la corruzione. Costa l’assistenzialismo. Costano sprechi di ogni genere. Costa una pubblica amministrazione smisurata (e, ciononostante, inefficiente). Ed ora, sull’orlo del fallimento, le cicale capitoline bicolore, in nome di un’estemporanea “responsabilità nazionale”, ancora una volta, corrono, a braccetto, frettolosamente ai ripari nel modo più inveterato, pratico, semplice e scontato che esista: tagliando servizi e spremendo sempre più le famiglie lombarde con una pressione fiscale immorale. E subdola. Subdola perché annidata in tanti camaleontici balzelli e rincari ad ogni livello amministrativo (dai ticket sanitari ai trasporti pubblici, dalle marche da bollo alle addizionali comunali, dai pedaggi alle accise sulla benzina, dalla tassa di soggiorno all’Inps….), tanto che viene da chiedersi ormai che cosa NON sia tassato. In questo quadro, non posso fare altro, pertanto, che rinnovare a tutti voi l’invito a riflettere seriamente e con occhi disincantati sull’opzione autonomista ed indipendentista.

Lombardia libera

Giovanni Angaroni

 

 
Ricerca / Colonna destra

Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Per saperne di piĆ¹ sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie provenienti da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information