Contenuto Principale
Intollerabili attacchi ai dipendenti PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Comunicati Stampa - Generale
Image

Comunicato Stampa
Dopo l'asilo, ecco la biblioteca: il confuso strazio di Cac e PD
INTOLLERABILI GLI ATTACCHI AL PERSONALE DIPENDENTE

 

Ultimamente forse perché i quotidiani attacchi al Sindaco e agli altri esponenti della Lega Nord non fanno più presa, avendo stancato da tempo la gente, le due forza d'opposizione hanno un nuovo hobby: attaccare senza ritegno pure il personale dipendente del Comune.

Ricordiamo l'episodio di poche settimane fa in Consiglio Comunale allorché un Consigliere di CAC alluse al fatto che una dipendente dell'Ufficio Segreteria avesse “manomesso” i verbali, omettendo volutamente alcune dichiarazioni degli esponenti della minoranza dai verbali della seduta precedente.

Si è continuato una settimana fa quando in un comunicato gli stessi esponenti della vecchia Amministrazione hanno umiliato una maestra della Scuola dell'Infanzia, senza probabilmente nemmeno conoscerla, definendola “professionalmente alquanto debole”. La sua unica colpa? quella di aver ricevuto pareri positivi da parte delle due consigliere leghiste all'interno del CdA della Scuola Materna.

Ora, però, si è raggiunto l'apice.

Nella riunione della Commissione Biblioteca di questa settimana è stata comunicata la decisione della Giunta Comunale di gestire dal primo gennaio attraverso personale dipendente la Biblioteca comunale. A fine anno infatti scadrà l'appalto con la cooperativa che gestisce attualmente la biblioteca. Dopo anni si è provveduto a risolvere questa anomalia segnalata da tempo dai responsabili uffici comunali e la gestione di un servizio pubblico fondamentale sarà normalmente affidato ad un dipendente, come avviene nella quasi totalità dei Comuni.

 

Subito sono scaturite le polemiche da parte dei consiglieri di CAC/PD ed il consigliere Giulia Prada ha lanciato pesanti accuse, in riferimento alla neo-assunzione, dicendo che la scelta è solo una scelta clientelare. “Si tratta chiaramente di clientelismo” ha affermato.

Vale solo la pena ricordare che proprio l'esponente del PD, già Segretario del coordinamento democratico cittadino, fu assunta dall'allora Assessore provinciale del PD Gigi Ponti. Dopo che quest'ultimo fu spazzato via dal voto popolare, il nuovo Assessore provinciale alla cultura Enrico Elli (Lega Nord) decise di rinnovarle il contratto, al di là delle divergenti idee politiche. E questo sarebbe clientelismo? Da che pulpito....

 

Il Direttivo della Lega Nord Ceriano esprime solidarietà agli attacchi rivolti ai dipendenti, specie quelli rivolti a priori, senza nemmeno avuto la possibilità di poter valutare fattivamente il loro operato.

 

 

Ufficio stampa

Ceriano Laghetto, 13 ottobre 2010

 
Ricerca / Colonna destra

Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Per saperne di piĆ¹ sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie provenienti da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information