Contenuto Principale
RIPRENDIAMOCI LA LOMBARDIA! PDF Stampa E-mail
Stoccate di Puccio - Archivio


Liste elettorali pidielline ammesse in via surrettizia per il buco della serratura: uno spettacolo pruriginoso da mercatino delle pulci.
Grossolani errori commessi da dilettanti allo sbaraglio: la cosa mi infastidisce ma non mi sorprende: i cicisbei in giacca e cravatta che si materializzano nelle piazze casualmente a ridosso delle elezioni, non sono pratici di politica vissuta su strada.


Nel frattempo, l’ex assessore regionale allo Sport, Giovani e Turismo (PDL), noto volto televisivo, è stato arrestato con l’accusa di corruzione. Stessa sorte è toccata al consigliere comunale e presidente della commissione urbanistica di Palazzo Marino (PDL), colto in flagranza di reato, a pochi passi dal Duomo, mentre intascava una mazzetta da 5 mila euro. Episodi, questi, di pernicioso mercimonio politico, che portano a riflettere. Chi si avvicina alla politica, lo fa per reale spirito altruistico o solo per accomodarsi su qualche comoda cadrega? O piuttosto è forse il vergognoso limbo palazzinaro e mafioso di denaro contante e prebende di ogni tipo che blandisce, come i massaggi di una prostituta di Nuova Delhi, anche l’animo del politico più nobile e lo corrompe?
Sia chiaro che qui non intendo difendere questi individui in nome di dubbie e contingenti alleanze politiche. Purtroppo PDL e Lega sono alleati, è vero. Il che non significa che si siano pure sposati. Per ciò è ridicolo e contrario ad un autentico spirito leghista, ribelle ed anti-sistemico, difendere ad oltranza i giocattoli legislativi che il Presidente del Consiglio si costruisce su misura; preferibile, invece, chiarire con maggiore limpidezza: “Scusate signori, questi sono rospi rancidi che il Carroccio deve ingoiare in cambio del federalismo”. Punto.
Tra poco, dunque, il popolo lombardo sarà chiamato al voto. I sarcofagi d’oro si schiuderanno e mummie politiche risorgeranno polverose: è il loro momento, questo. Politichetti imbellettati e scomparsi dalla circolazione negli ultimi cinque anni, improvvisamente si materializzeranno nelle città, nei paesi, persino nelle più piccole frazioni, a caccia di preziosi voti.
Guardatevi bene da giacche e cravatte fresche di tintoria, le quali faranno promesse da marinaio. Guardatevi bene da sudaticce strette di mani e da sorrisi a trentadue denti. Guardatevi bene dai manifesti ammiccanti.
Guardatevi bene, perché questi mestieranti della politica, una volta eletti, si rintaneranno di nuovo in un dorato letargo quinquennale. Per poi magicamente ricomparire alla prossima tornata elettorale. Di un lustro più vecchi, di un lustro più ricchi.

LUMBARD, BASTA CHIACCHIERE INSULSE! RIPRENDIAMOCI LA LOMBARDIA!

Alle elezioni regionali del 27 e 28 marzo VOTA LEGA NORD!!!


Lombardia libera!

Giovanni Angaroni

 
Ricerca / Colonna destra

Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Per saperne di piĆ¹ sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie provenienti da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information